Input your search keywords and press Enter.

Pane trattato all’etanolo: è davvero un pericolo per la salute?

Etanolo e pane, come avviene il trattamento di conservazione

Scopri perché l’etanolo è spesso menzionato sulle confezioni di pane e panificati industriali e se è davvero pericoloso

Conservazione del pane, ecco perché c’è alcol

L’alcol etilico (comunemente detto etanolo) è utilizzato da molti produttori di pane in cassetta confezionato, come antimicrobico. In questi prodotti il tasso di umidità, infatti, è così alto da consentire la proliferazione delle muffe. Questo non avviene invece nei prodotti secchi, come i crackers o i grissini. La legge regolamenta in modo molto preciso l’utilizzo di etanolo. In particolare non possono essere utilizzati altri additivi antimicrobici in concomitanza con questo alcol ed è obbligatoria in etichetta la dicitura “trattato con alcol etilico“.

Dal punto di vista della salute questi prodotti sono sicuri poiché il trattamento con alcol è solo superficiale, inoltre le quantità utilizzate sono minime. La legge stabilisce infatti che non devono essere superiori al 2% in peso, quindi, in concreto, in 1 kg di pane possono essere utilizzati al massimo 14 g di alcool. Ovviamente, l’etanolo è un alcol di tipo alimentare, lo stesso che si trova nelle bevande alcoliche, e si tratta dunque di una sostanza assolutamente innocua se assunta in queste dosi.

Dal punto di vista organolettico, i prodotti trattati con etanolo si riconoscono subito. All’apertura della confezione, infatti, quando esce l’aria contenuta all’interno si sente il classico odore dell’alcol che evapora dalla superficie del prodotto.

E per quanto riguarda i bambini? Il pane e i panificati trattati con alcol etilico sono assolutamente sicuri. Al massimo, per una certezza ulteriore, basta scaldare il pane in forno o nel tostapane per qualche minuto per far evaporare totalmente l’alcol.

Non ti fidi del pane acquistato al supermercato? Scopri come usare il lievito madre e inizia subito a preparare il pane in casa facilmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *