Input your search keywords and press Enter.

Olio essenziale di Lauro Nobile: proprietà e usi

L’olio essenziale di Lauro Nobile ha proprietà antibatteriche, analgesiche, antivirali e molte altre

Il Lauro o alloro (Laurus nobilis) è una pianta aromatica e pianta officinale appartenente alla famiglia Lauraceae e al genere laurus, originario dell’Albania.

Da tale pianta si estrae un olio essenziale dall’odore mentolato e canforaceo, che grazie alle sue proprietà è utile come rimedio naturale in caso di micosi, afte, mancanza di autostima, deconcentrazione e stress mentale.

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Lauro Nobile

Grazie alle sue numerose proprietà, l’olio essenziale di Lauro Nobile è considerato un ottimo antibatterico, antimicotico, mucolitico ed espettorante, antivirale, antispastico, analgesico, antinevralgico ed equilibrante nervoso. Inoltre è anche un anticoagulante, insettifugo, immunomodulante e antiparassitario.

L’olio essenziale contiene 1,8-cineolo, una molecola nota per le sue proprietà in grado di fluidificare i muchi e favorirne l’espulsione per liberare le vie respiratorie.

Grazie ai componenti biochimici 1,8-cineolo, linalolo, eugenolo, α-pinene e ß-pinenem contenuti nell’olio essenziale, lo rendono in grado di combattere contro la maggior parte dei batteri come stafilococchi, streptococchi, E.coli, etc.

Le molecole 1,8-cineolo, il linalolo, l’eugenolo, l’alfa- e il beta-pinene contenute nell’olio sono inoltre in grado di impedire la propagazione dei virus nell’organismo, rendendolo quindi un efficace antivirale.

Tali molecole inoltre agiscono anche contro i funghi, specialmente contro
tropicalis, candida albicans e pseudotropicalis.

Con la presenza di eugenolo e di uno dei suoi derivati, ovvero il metileugenolo, dona all’olio essenziale di Lauro Nobile la capacità di alleviare il mal di denti, i dolori causati da carie, gengiviti e anche di curare le afte.

L’olio essenziale di Lauro Nobile è utilizzato anche per calmare gli spasmi del sistema digerente. Le biomolecole alfa-terpineolo e l’acetato di terpenile contenute nell’olio agiscono sui muscoli impedendone le contrazioni involontarie.

Infine l’olio essenziale agisce sul sistema nervoso regolando il sistema simpatico e parasimpatico, ovvero i diretti responsabili dell’attività o del riposo dell’organismo.

Come utilizzarlo

Per prevenire influenza, virus invernali, e calmare stress mentale e deconcentrazione si possono diffondere nell’aria di casa 5 gocce di olio essenziale di Lauro Nobile tramite diffusore di essenze o umidificatori dei termosifoni. E se l’infezione del virus è già in atto, questo procedimento si può praticare anche 4 volte al giorno, per limitare i rischi di contagio.
L’olio così aiuterà a disinfettare l’aria da eventuali batteri.

Per curare il cavo orale affetto da gengivite, afte o altre infiammazioni, si possono effettuare degli sciacqui 2 volte al giorno diluendo 2-3 gocce di olio essenziale in un bicchiere di acqua.

Per liberare le vie respiratorie da muco, virus influenzali e tosse, si possono praticare i suffumigi: basta aggiungere 2-3 gocce di olio essenziale in una bacinella di acqua calda, coprirsi il capo con un panno e respirarne i vapori.
Oppure creare un olio composto da 2-3 gocce di olio essenziale di Lauro Nobile e 8 gocce di olio vegetale (jojoba, mandorle etc.), da massaggiare sul petto.

Controindicazioni

L’uso dell’olio essenziale di Lauro Nobile è vietato per le donne ai primi 3 mesi di gravidanza e per i bambini sotto i 6 anni. Essendo allergizzante e irritante per la pelle, prima di applicarlo sulla cute si consiglia di testarlo e diluirlo in un olio vegetale in una concentrazione del 20%.

Come tutti gli oli essenziali, prima dell’utilizzo moderato è consigliabile rivolgersi al proprio medico di base o ad un farmacista al momento dell’acquisto.

Olio essenziale di Inula Odorosa: proprietà e usi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *