Input your search keywords and press Enter.

Castagne: l’alleato autunnale della salute e del benessere naturale

Gusto e salute in tavola con le castagne

Le castagne sono uno dei frutti più gustosi e nutrienti che offre la natura e sono un vero toccasana per tutto l’organismo, provale per la tua salute

Benessere naturale, i frutti che non possono mancare

Le castagne sono il frutto autunnale per eccellenza. Contengono sostanze e principi nutritivi che costituiscono un autentico toccasana per tutto l’organismo, sono ricche di zuccheri, grassi, proteine, vitamine e sali minerali.

La castagna è costituita per circa il 50% da acqua, mentre la parte restante è composta da carboidrati, proteine, grassi, fibre e ceneri. Contiene poi minerali tra cui potassio, utile per il lavoro muscolare; fosforo, importante per i tessuti nervosi; zolfo, per la robustezza delle ossa; magnesio, ottimo equilibratore dell’umore; e poi sodio, ferro, calcio, zinco, rame e manganese. Si tratta quindi di un vero alleato per combattere gli stati di indebolimento fisico e mentale grazie alla presenza di tutti questi nutrienti.

Un etto di castagne equivale ad un piatto di pasta per l’apporto calorico e di carboidrati, ma con la differenza che non contengono glutine e quindi sono perfette anche per l’alimentazione dei celiaci. Inoltre sono un alimento particolarmente adatto per chi pratica sport, visto che favoriscono il lavoro dei muscoli e stimolano la circolazione sanguigna. Le castagne vengono indicate anche durante la convalescenza e in caso di febbre e dolori reumatici. Con le foglie del castagno, in più, si possono preparare dei decotti curativi utili in caso di raffreddamento e malanni di stagione.

Come tutti i frutti della natura, però, anche le castagne hanno qualche controindicazione. A causa dell’alto contenuto di amido, infatti, sono piuttosto difficili da digerire e sono sconsigliate per chi soffre di colite, aerofagia, diabete, obesità e patologie legate al fegato. Inoltre, durante la cottura gli amidi contenuti si trasformano in zuccheri rendendole inadatte per chi deve seguire un’alimentazione ipoglicemica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *