Input your search keywords and press Enter.

Zafferano, tutte le caratteristiche della spezia più preziosa dell’oro

Scopri segreti e virtù dello zafferano, la spezia preziosa coltivata secondo tradizione

Più prezioso dell’oro, conosciuto e coltivato da centinaia di anni: ecco lo zafferano, la spezia più pregiata al mondo che dona colore e profumo a tantissimi piatti

Aggiungi lo zafferano ai tuoi piatti, ecco come usarlo

Lo zafferano si ricava da una particolare varietà di croco, una pianta della famiglia delle Iridacee. La parte da cui si estrae sono i tre stimmi, che vengono tuttora raccolti a mano ed essiccati.

La pianta è conosciuta e coltivata dall’uomo a partire dal 3000 AC. Nel medioevo lo zafferano, oltre che come spezia, era utilizzato come medicinale per le sue capacità sedative.

Attualmente il maggior produttore mondiale di zafferano è l’Iran.Ma altri importanti produttori sono Grecia, Marocco, India , Spagna e Italia (Specialmente nel centro-sud).

A livello nutrizionale contiene buone quantità di vitamine e minerali, ma il consumo limitato lo rende quasi del tutto irrilevante all’interno della dieta. Ciò che lo rende così speciale è il contenuto di zeaxantima, un fortissimo antiossidante che gli conferisce il classico colore rosso intenso unito ad altri caroteni.

L’odore e il gusto dello zafferano, invece, sono dovuti alla picocrocina e al safranale che gli conferiscono il classico sapore amaro e l’aroma inconfondibile.

Recenti studi medici stanno analizzando le proprietà curative dello zafferano come coadiuvanti nelle terapie antitumorali e per combattere i dolori mestruali con risultati positivi.

Ma nonostante tutti gli aspetti positivi si tratta comunque di una spezia potenzialmente pericolosa. Se assunto in dosi massicce, infatti, può causare mal di testa, emorragie e vomito, ed un’intossicazione da zafferano può essere letale. Per questo motivo se ne raccomanda l’utilizzo di pochi milligrammi e sempre aggiunto alle pietanze.

E se vuoi saperne di più sulle spezie da aggiungere alla tua dieta scopri anche il gomasio, il sostituto del sale a base di sesamo e come usarlo!

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *