Input your search keywords and press Enter.

Xilitolo nei cosmetici, non solo ingrediente per dentifrici

Ingredienti naturali per i tuoi cosmetici, ecco lo xilitolo

Scopri come preparare cosmetici naturali con materie prime di qualità ed ecocompatibili, ecco a cosa serve lo xilitolo

Cosmetici homemade, ecco gli ingredienti giusti

Lo xilitolo è una molecola igroscopica e umettante che si può usare in alcune formulazioni come sostituto della glicerina e del sorbitolo. E’ presente molto spesso nei dentifrici per via del suo potere dolcificante.

Le percentuali d’uso consigliate variano in base all’utilizzo. Vanno dall’1 al 5% nelle formulazioni per la pelle, fino al 10% in prodotti per capelli e fino al 40% nei dentrifici. Lo xilitolo è idrosolubile e può essere scaldato, infatti in percentuali alte è meglio scioglierlo in acqua calda per ottenere una sorta di sciroppo da usare nelle preparazioni. Nei prodotti leave in (senza risciacquo) è meglio non eccedere con le quantità in quanto potrebbe risultare appiccicoso e compromettere la piacevolezza della preparazione.

Chimicamente lo xilitolo è una molecola di carbonio appartenente alla famiglia dei polialcoli. Si può trovare in natura in vari tipi di frutta e verdura e si ricava industrialmente dalla corteccia della betulla e altri alberi.

Grazie al suo sapore dolce e alle proprietà antibatteriche e carioprotettive viene spesso usato nei prodotti per igiene orale, ma può essere inerito anche nella formulazione di gel ed emulsioni come umettante per trattenere l’acqua nel prodotto e come idratante per la pelle. Si trova quindi in dentifrici, maschere, impacchi, ma anche in creme, gel idratanti, detergenti delicati (come le acque struccanti micellari), bagnoschiuma e in shampoo e leave in per capelli e prodotti modellanti per capelli ricci o mossi.

In etichetta è indicato con il nome scientifico di Xylitol.

Si presenta sotto forma di cristalli simili a zucchero. Se acquistato per formulazioni casalinghe è bene conservarlo in luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce, di calore e di umidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *