Input your search keywords and press Enter.

Piccole ustioni e bruciature domestiche: curale con gli oli essenziali

Cura la pelle e le piccole ustioni con gli oli essenziali

Scegli di curare e lenire la pelle in modo naturale con gli oli essenziali in caso di piccole bruciature e ustioni

Pelle bruciata, scopri come curarla

I piccoli incidenti domestici sono all’ordine del giorno. Tra i più diffusi ci sono le piccole ustioni e le bruciature, causate da fornelli, pentole, ferro da stiro o schizzi di liquido bollente.

In caso di incidenti di piccola entità, localizzati su zone della pelle circoscritte e scottature non particolarmente profonde si può curare la zona con l’aiuto degli oli essenziali.

I migliori in questo caso sono l’olio essenziale di achillea, quello di camomilla, quello di benzoino, quello di neem, quello di tea tree e quello di lavanda. Tutti questi oli essenziali esercitano un’azione lenitiva, cicatrizzante e tonificante. Si possono applicare sulla pelle dopo avene disperso qualche goccia in un cucchiaino di olio vettore (ideale l’olio di iperico). L’unico che si può usare puro sulla pelle è l’olio essenziale di lavanda, che non presenta alcun pericolo anche se penetra direttamente nei tessuti. Oltre a ridurre sensibilmente il dolore aiutano anche a velocizzare la guarigione.

Per far guarire la pelle dalle bruciature è essenziale applicare questi rimedi naturali più volte al giorno, per tenere idratata ed elastica l’epidermide e permettere la ricostruzione dei tessuti. Una volta completata la ricostruzione del derma è consigliabile applicare la soluzione con gli oli essenziali ancora per qualche giorno per favorire la completa guarigione.

Ma attenzione, gli oli essenziali sono utili solamente per piccole scottature, e bisogna immediatamente consultare un medico in caso di incidenti più gravi o se le bruciature colpiscono il viso. Sono sconsigliati inoltre in caso di gravidanza, nei bambini e in caso di sanguinamento. In tutti questi casi occorre recarsi immediatamente dal proprio medico o in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *