Input your search keywords and press Enter.

Shikakai, la polvere indiana protagonista della cosmesi naturale

Materie prime cosmetiche naturali: la shikakai

Scegli cosmetici naturali e sicuri per pelle e capelli, prova la polvere di shikakai, un alleato che arriva dall’India e sostituisce tanti prodotti di bellezza

Cosmesi naturale, ecco gli ingredienti da scegliere

Lavarsi i capelli senza usare lo shampoo è possibile. Tra le alternative si possono scegliere la farina di ceci e il ghassoul, ma è famosissima anche la shikakai, una polvere naturale adatta alla cura dei capelli di origine indiana. Si ricava dall’Acacia concinna, una pianta originaria dell’Asia, ed è venduta sotto forma di polvere pronta da miscelare con acqua.

La parola shikakai significa letteralmente “frutto per i capelli”, e in molti stati viene considerata migliore per la cura di capelli rispetto allo shampoo. E’ utile soprattutto in caso di forfora, per rinforzare i capelli e per aiutarli a crescere.

Questa polvere funziona perché si ottiene dalla corteccia della pianta di Acacia concinna, ricca di saponine, detergenti naturali delicati dal potere lavante delicato. E’ un prodotto particolarmente delicato consigliato anche alle persone con pelle sensibile in alternativa allo shampoo classico.

L’utilizzo della shikakai è molto semplice. Si prepara un composto cremoso miscelando la polvere con dell’acqua tiepida. Una volta preparata la crema si deve massaggiare sui capelli umidi e sul cuoio capelluto proprio come uno shampoo. Dopo averlo lasciato agire per qualche minuto si procede al risciacquo. In alternativa lo stesso composto si può usare comeimpacco rinforzante per i capelli, aumentando i tempi di riposo prima del risciacquo.

La shikakai in polvere per il lavaggio dei capelli è facilmente reperibile in erboristeria, su internet e negli shop di prodotti naturali per la cura del corpo e dei capelli. Attenzione però a scegliere solamente shikakai pura. In etichetta deve essere presente la dicitura “Acacia concinna” che ne denota la purezza e la provenienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *