Input your search keywords and press Enter.

Olio essenziale di origano, preparane una versione casalinga

Prepara il tuo olio essenziale di origano fai da te

Scegli rimedi naturali per il tuo corpo e prepara in casa una versione casalinga dell’olio essenziale di origano

Oli essenziali, prova a prepararli in casa

Gli oli essenziali sono una risorsa da avere sempre a disposizione come rimedio naturale per curare piccoli disturbi, per lenire fastidi e prendersi cura della pelle. In commercio ne esistono tantissimi tipi, estratti da fiori o erbe e solitamente realizzati attraverso procedure di spremitura o di distillazione a vapore. Creare a casa un ottimo olio essenziale, tuttavia, non è una procedura poi così complicata.

L’olio essenziale di origano, ad esempio, può essere preparato utilizzando le foglie di origano e un olio vegetale da usare come base. Le varietà di origano più indicate sono il Thymus capitatus e il classico Origano vulgare, quello che si usa in cucina. La raccolta di questa erba, però, deve avvenire preferibilmente al mattino assicurandosi che la pianta non sia stata trattata con pesticidi.

Per la preparazione sono necessari un mazzetto di origano e la stessa quantità in peso di olio vegetale. Per prima cosa le foglie vanno lavate e asciugate con cura, poi pestate e schiacciate fino a ridurre l’erba in pezzi finissimi. A questo punto si trasferisce il tutto in un barattolo di vetro riempito di olio vegetale e chiuso ermeticamente. Il contenitore si lascia quindi riposare al riparo dalla luce solare diretta per almeno quarantotto ore. Successivamente, si filtra il tutto usando una garza.

L’olio essenziale così ottenuto si conserva per circa 6 mesi e si può adoperare all’occorrenza senza bisogno di ulteriore diluizione. E’ un toccasana per la digestione se spalmato sull’addome, ma è utilissimo anche per curare gengiviti e alcune infiammazioni della bocca. Inoltre, spalmare l’olio essenziale di origano sulla pelle aiuta a ridurre gli inestetismi della cellulite e le deterge profondamente eliminando le impurità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *