Input your search keywords and press Enter.

Olio essenziale di Levistico: proprietà e usi

L’olio essenziale di Levistico ha proprietà disintossicanti, antivirali, espettoranti e molte altre

Il Levistico (Levisticum officinale) è una pianta perenne della famiglia delle Apiaceae, originario dell’Ungheria.

Da tale piante viene ricavato un olio essenziale con la fragranza di arancio, sedano e pepe che, grazie alle sue numerose proprietà e ai suoi benefici, è considerato molto utile in caso di psoriasi e bisogno di depurarsi.

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Levistico

L’olio essenziale di Levistico può essere usato come rimedio naturale per diverse problematiche perchè è: disintossicante, antitossico, antipsorico, antivirale, antinfettivo, antibatterico, antimicotico, antiparassitario, anticatarrale, espettorante, neurotonico, miotonico, tonico digestivo e diuretico.

L’olio permette di ridurre ed eliminare i rifiuti e le tossine accumulate nel corpo, ed è in grado di facilitare l’eliminazione dell’acqua attraverso i reni e, di conseguenza, la produzione di urina.

Grazie all’enorme quantità di beta-fellandrene e mircene, quest’olio essenziale aiuta a combattere contro virus, batteri e altri agenti patogeni e anche di limitare il loro sviluppo nell’organismo.

Tali molecole inoltre sono in grado di fluidificare i muchi e di eliminarli liberando le vie respiratorie, e di contribuire a facilitare la digestione.

L’acetato di terpenile presente nell’olio permette di stimolare i nervi e i muscoli per migliorarne il tono.

Infine, l’olio essenziale di Levistico è un rimedio efficace contro la psoriasi.

Come utilizzarlo

Per lenire la psoriasi, si può diluire 1 goccia di olio essenziale di Levistico in 4 gocce di olio vegetale (mandorle, jojoba, etc.) e applicare sulla zona irritata, 2-3 volte al giorno per 3 settimane. Dopodiché interrompere l’applicazione per 1 settimana, e ripetere il ciclo se necessario.

Per depurare l’intero organismo, bisogna assumere per via orale 2 gocce su 1 compressa neutra, 3 volte al giorno per 5 giorni.

Per fluidificare il catarro e liberare le vie respiratorie, si possono praticare i suffumigi: basta aggiungere 2-3 gocce di olio essenziale in una bacinella di acqua calda, coprirsi il capo con un panno e respirarne i vapori.

Oppure creare un olio composto da 2-3 gocce di olio essenziale di Levistico e 8 gocce di olio vegetale (jojoba, mandorle etc.), da massaggiare sul petto.

Per prevenire influenza, virus, e disinfettare l’aria di casa da eventuali batteri, si possono diffondere nell’ambiente 3-4 gocce di olio essenziale tramite diffusore di essenze o umidificatori dei termosifoni.

Per curare il cavo orale affetto da gengivite, afte o altre infiammazioni, si possono effettuare degli sciacqui 2 volte al giorno diluendo 2-3 gocce di olio essenziale in un bicchiere di acqua.

Per facilitare la digestione, si possono assumere 1-2 gocce di olio essenziale di Levistico nel miele dopo i pasti principali.

Per stimolare i nervi e i muscoli, bisogna miscelare 2 gocce di olio essenziale e 8 gocce di olio vegetale (jojoba, mandorle etc.) applicarle sulle zone interessate e massaggiare con cura, anche 2-3 volte al giorno.

Controindicazioni

L’uso dell’olio essenziale di Levistico è vietato per le donne in gravidanza o allattamento e per i bambini sotto i 6 anni.
Essendo irritante per la pelle, prima di applicarlo sulla cute si consiglia di testarlo e diluirlo in un olio vegetale in una concentrazione del 20%.

Inoltre essendo fotosensibilizzante, è vietato esporsi al sole dopo aver applicato l’olio sulla cute. Le persone asmatiche o epilettiche invece devono chiedere consiglio al proprio medico prima dell’utilizzo.

Come tutti gli oli essenziali, prima dell’utilizzo moderato è consigliabile rivolgersi al proprio medico di base o ad un farmacista al momento dell’acquisto.

Olio essenziale di Khella: quali sono le proprietà e come utilizzarlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *