Input your search keywords and press Enter.

Olio di emù, l’antico cosmetico antibatterico e idratante naturale

Materie prime cosmetiche naturali, prova l’olio di emù

Scegli il benessere naturale per il tuo organismo, scopri l’olio di emù e le sue proprietà cosmetiche emollienti e idratanti

Cosmetici naturali, ecco cosa scegliere

L’ olio di emù è un olio cosmetico derivato dal grasso di un uccello australiano molto simile allo struzzo. Non si tratta di un olio comune, ma uno dei più ricchi di vitamine (A ed E), minerali, acidi grassi essenziali Omega 3 e 6 e acidi grassi Omega 9. La ricchezza di nutrienti gli conferisce eccezionali proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.
Si tratta di un prodotto impiegato fin dall’antichità dagli aborigeni australiani per curare numerosissimi problemi di pelle, capelli e articolazioni. Fra le caratteristiche principali possiede la capacità di non ostruire i pori della pelle (non comedogeno) e di non lasciare un fastidioso effetto unto sulla pelle.

L’olio di emù è un prodotto testato in laboratorio ed è certificato come ipoallergenico, transdermico, batteriostatico, antisettico, emolliente, antinfiammatorio, elasticizzante, nutriente, riepitelizzante e rigenerante.

Si utilizza per la produzione di creme, lozioni e unguenti ma anche come integratore alimentare sotto forma di capsule in gel. Questi integratori si assumono per regolarizzare l’intestino e prevenire malattie croniche del colon. Per quanto riguarda l’uso nei prodotti per capelli, invece, aiuta a prevenirne la caduta e stimola la crescita dall’interno.

I prodotti cosmetici che contengono olio di emù possono essere messi in vendita solamente dopo aver superato diversi test farmacologici, quindi sono considerati assolutamente sicuri per l’utilizzo cutaneo.

La sua composizione è 100% naturale, ma attenzione, non si tratta di un prodotto vegetale, quindi non è adatto a chi segue una dieta vegetariana o vegana.

E per le pelli delicate? Tra gli ingredienti più usati per i cosmetici per bambini e non solo c’è il bisabobolo. Scopri come si usa e da che piante si estrae!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *