Input your search keywords and press Enter.

Olio di alghe: scopri la preziosa fonte di Omega 3 vegetale

Omega 3, ora li puoi integrare con l’olio di alghe

Scopri come prenderti cura di te in modo del tutto naturale con l’olio di alghe, un prezioso alleato della tua salute senza derivati di origine animale

Benessere dalla natura, ecco cosa scegliere

L’olio di alghe si ricava direttamente dalle alghe commestibili. E’ una delle pochissime fonti vegetali che contiene DHA (acido docosaesaenoico ), che rappresenta il 97% dei grassi omega 3 nel cervello. E’ottimo come integratore per vegetariani e vegani che non assumono olio di pesce come integratore di omega 3.

Ma i vantaggi dell’olio di alghe non riguardano solamente vegetariani e vegani che necessitano di un integratore alimentare. Si tratta di un prodotto utilissimo in tantissime situazioni:

  • Contribuisce ad una gravidanza sana: il DHA è essenziale per lo sviluppo del cervello del feto durante la gravidanza. Recenti ricerche dimostrano che il consumo di acidi grassi omega 3, migliora lo sviluppo del bambino
  • Migliora la salute cardiovascolare: l’olio di alghe aiuta a regolare il battito cardiaco, a ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo, a diminuire la formazione di coaguli di sangue e a ridurre il rischio di attacchi cardiaci e di ictus
  • Sviluppa le funzioni cognitive: l’assunzione regolare di DHA nell’alimentazione migliora le capacità di apprendimento e riduce i sintomi di ansia e depressione
  • Migliora la memoria: riduce significativamente la possibilità di ammalarsi di Alzheimer e migliora la memoria in coloro che sono già affetti da demenza senile
  • Riduce le infiammazioni: l’olio di alghe grazie agli omega 3 contribuisce a migliorare i sintomi dell’osteoartrite e i dolori alle articolazioni, ma anche in caso di malattie infiammatorie intestinali, ulcere e colite

Ma come si assume l’olio di alghe? In commercio si trova sotto forma di capsule pronte all’uso. Attenzione però a controllare la provenienza e la certificazione a causa dei numerosi agenti inquinanti presenti negli oceani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *