Input your search keywords and press Enter.

Maca, il superfood del nuovo millennio che arriva dalle Ande

Maca, scopri tutti i benefici di questa radice miracolosa ricchissima di nutrienti

Scegli il benessere naturale e scopri come agisce la maca sull’organismo, favorendo il benessere del corpo e della mente ad ogni età

Curati naturalmente con la maca, ecco come usarla

La maca è una pianta peruviana perenne proveniente dalle Ande, ed è conosciuta e utilizzata dalle popolazioni locali per le sue numerose qualità benefiche. La medicina popolare sostiene principalmente la sua funzione afrodisiaca e quella di stimolante per la fertilità, specialmente per la popolazione maschile.

La parte commestibile della pianta è la radice, un tubero carnoso simile ad una rapa, riconoscibile dalla forma arrotondata e dal colore che va dal giallo intenso al rosso scuro. Cresce nelle zone montane dai 2500 m ai 5000 m in zone assolutamente ostili dove non resistono altro che piccoli arbusti.

Ricca di amminoacidi, vitamine, acidi grassi e fibre, la maca ha la capacità di migliorare la resitenza fisica e ridurre lo stress, donando energia e vigore al corpo e alla mente. Inoltre, grazie agli alcaloidi e agli steroli, ha anche una straordinaria azione equilibrante sul sistema ormonale maschile e femminile. Oltre a questi benefici, è anche perfetta per aumentare la massa muscolare negli sportivi, ed è un ottimo integratore.

E’ considerata un vero e proprio alimento, quindi non c’è una dose precisa da assumere giornalmente, ma è consigliato non superare i 20 gr di radice essiccata. In alternativa si possono acquistare integratori in capsule già pronti all’uso perfetti per l’uso quotidiano.

Finora non sono stati evidenziati effetti collaterali legati all’assunzione di questa pianta, ma è sempre bene evitarne l’uso in gravidanza e allattamento senza un consulto medico.

Ma questa non è l’unica pianta che fa bene al corpo. Scopri subito tutte le caratteristiche dell’ippocastano, la pianta che aiuta a proteggere i vasi sanguigni e migliora la circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *