Input your search keywords and press Enter.

Scopri la lanolina, la cera organica utilissima in cosmetica

Tutte le caratteristiche e gli usi della lanolina, la cera naturale estratta dal manto delle pecore

Scopri tutte le qualità benefiche della lanolina, una delle cere più utilizzate nell’industria cosmetica e come rimedio fai da te per curare la pelle

Lanolina, ecco cos’è!

La lanolina è una sostanza untuosa conosciuta anche con il nome di “cera della lana“. Viene prodotta naturalmente dalle ghiandole sebacee delle pecore e si deposita sul manto svolgendo un’azione protettiva e preservando la pelle da disidratazione, escoriazioni e irritazioni.

Essendo priva di glicerina viene classificata come cera e non come grasso, e per estrarla non viene inflitta nessuna sofferenza all’animale dato che si ricava dal manto di lana già tosato. Subisce vari trattamenti di purificazione fino ad eliminare tutta l’acqua presente, e il risultato è un composto denso e untuoso di colore giallo chiaro.

In ambio cosmetico si utilizza specialmente nei prodotti ad azione levigante, nelle creme emollienti e nelle formulazioni dedicate alla cura di pelle, peli e capelli. E’ utilizzata fin dall’antichità sotto forma di pomate e unguento come rimedio casalingo per escoriazioni, bruciature e ragadi dovute all’allattamento.

Gli effetti benefici della lanolina sono dovuti all’azione antisettica, cicatrizzante e idratante che possiede, inoltre, forma una leggera pellicola lipidica sulla cute e sui capelli che garantisce protezione nel tempo.

L’industria farmaceutica, invece, ne sfrutta le proprietà per la produzione di pillole e pastiglie e nei prodotti di sintesi della vitamina D3.

Generalmente la lanolina non ha controindicazioni tranne nei soggetti allergici alle materie di origine. Per l’utilizzo in allattamento, invece, è sempre meglio scegliere prodotti farmaceutici certificati e non utilizzare il prodotto puro grezzo.

Dato che è un prodotto di origine animale non soddisfa i criteri di chi ha scelto uno stile di vita vegano. In questo caso si può sostituire con la cera carnauba, la più pregiata delle cere vegetali disponibili in natura.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *