Input your search keywords and press Enter.

La cera carnauba, la regina delle cere vegetali cosmetiche e alimentari

Scopri la cera carnauba e quali sono le caratteristiche che la rendono una delle materie prime cosmetiche più usate

Impara a leggere l’etichetta e scopri cosa contengono i tuoi cosmetici, in particolar modo la cera carnauba, una cera vegetale usata nelle industrie di tutto il mondo

Cos’è la cera carnauba

Nell’industria cosmetica e alimentare esistono diversi tipi di cere usati per lucidare addensare e arricchire i prodotti finiti. Tra le più famose, dopo la cera d’api, esiste la cera carnauba.

Questa cera è di tipo vegetale, si ricava dalle foglie di alcune specie di palma coltivate per lo più in Brasile. E’ una cera tra le più pregiate e versatili tra quelle impiegate nelle industrie, a seconda delle destinazioni d’uso viene più o meno raffinata e sbiancata, fusa ed ammassata in pani od altri formati.
La purificazione della cera carnauba, solitamente, avviene per filtrazione, centrifugazione e sbiancamento. In funzione del grado di purezza, viene classificata in tre differenti gruppi ( T1, T3 e T4).

Si può acquistare per l’autoproduzione cosmetica in scaglie dal colore giallo ed è caratterizzata da una temperatura di fusione piuttosto alta (80°/90°).

Nell’ambito cosmetico industriale è utilizzata sia pura che mescolata alla cera d’api soprattutto nella produzione di rossetti per il suo effetto addensante, emolliente e lucidante, e inoltre viene impiegata per kajal, matite labbra e sopracciglia e mascara.

Nell’industria alimentare, invece, si usa come agente di rivestimento e viene indicata in etichetta con la sigla E 903.

Ma esistono anche altre destinazioni per questa cera così pregiata. E’ infatti spesso usata nel settore dei restauri e anche su pipe e pavimenti antichi per tutelarli da usura e agenti esterni.

Una delle caratteristiche che rende la cera carnauba così diffusa è quella di essere ipoallergenica. Contrariamente a tante altre materie di base usate nei cosmetici, infatti, non presenta alcun tipo di rischi documentati per la salute dell’uomo.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *