Input your search keywords and press Enter.

Il gomasio, il condimento a base di sesamo che fa bene alla salute

Fai spazio al gomasio nella tua dispensa e scopri come far del bene al tuo corpo

Arriva dalla cucina asiatica il gomasio, un insaporitore a base di semi di sesamo e sale marino ricchissimo di nutrienti utili al benessere dell’organismo, scopri come usarlo

Migliora le tue abitudini alimentari con il gomasio

La cucina asiatica sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo grazie al suo gusto unico che riesce a coniugare perfettamente ricchezza di sapore e leggerezza.

Le spezie usate primate solo nei ristoranti etnici ora sono facilmente reperibili anche sugli scaffali dei supermercati. E’ questo il caso del gomasio, una miscela di sale e sesamo che arriva direttamente dalla cucina tradizionale giapponese.

Il gomasio è prodotto miscelando semi di sesamo tostati con sale marino in un rapporto che va da 1:7 a 1:20 e si usa principalmente come sostituto del sale. E’ utilissimo quindi per ridurre la quantità di sodio nelle pietanze favorendo il controllo dei livelli di colesterolo nel sangue. E’ un prodotto calorico e ricco di grassi omega3 e omega 6, ragion per cui non si deve eccedere nell’utilizzo, ma è anche fonte di vitamine D ed E e sali minerali come calcio, potassio, zinco.

La combinazione di questi elementi lo rende perfetto anche per aiutare il sistema nervoso nei momenti di forte stress e stanchezza.

Il gomasio è ottimo per insaporire insalate, verdure lesse, cereali e legumi ma anche per creare deliziose panature per carne e pesce. La dose consigliata è di circa 2 cucchiaini al giorno.

Si può acquistare nei supermercati e nelle catene di negozi biologici già pronto in barattoli da tenere in dispensa oppure si può preparare in casa. Basta tostare per pochi minuti i semi di sesamo con il sale e polverizzarli fino ad ottenere un composto granuloso e asciutto. Il gomasio fatto in casa si conserva in frigorifero per circa una o due settimane e si può utilizzare da subito.

E chi invece non riesce a rinunciare al sale non può non provare il Sale blu di Persia, bello da vedere e ricco di minerali!

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *