Input your search keywords and press Enter.

Farinello, l’infestante degli orti buono e sano da mangiare

Piante spontanee commestibili: il farinello

Scopri come raccogliere e consumare il farinello, una pianta spontanea infestante che cresce spesso negli orti e nei prati incolti

Doni della natura, le piante spontanee commestibili

Il farinello comune, noto scientificamente come chenopodio e chiamato anche farinello bianco o spinacio selvatico, è un’erba annua molto comune, presente nei terreni incolti e negli orti. Cresce spontaneamente in tutta Europa e in alcune località è anche coltivato appositamente.

Il nome ricorda quello della farina, poiché nei giovani germogli è presente la pruina, una polvere biancastra che ricopre tutta la pianta e che ha funzione protettiva.

Tra le piante selvatiche spicca per la sua fertilità. Ogni pianta, infatti, è in grado di produrre fino a 60000 semi, che possono rimanere vitali nel terreno per circa 50 anni. Data la sua affinità con l’amaranto in alcune regioni il farinello è anche chiamato amaranto semplice.

In realtà si tratta di una pianta molto utile all’organismo, anche se spesso si tenta di eliminarla in quanto infestante. Appartiene alla famiglia degli spinaci, ed è apprezzato sin dall’antichità per il gusto delicato molto gradevole, e inoltre contiene più ferro degli spinaci comuni, oltre ad essere ricco di fosforo, potassio e vitamina B1. Possiede proprietà vitaminizzanti, remineralizzanti, diuretiche, emollienti, lassative, antireumatiche e anche proprietà antiparassitarie.

Quando la pianta è giovane, si utilizza intera, togliendo solo la piccola radice. Delle piante adulte invece si usano solo le foglie. I giovani germogli, consumati crudi o cotti, lessati, al vapore o in padella, sono ideali per preparare molteplici pietanze, dai risotti all’insalata, nelle zuppe o come ripieno per ravioli, cannelloni e torte salate, o per insaporire gnocchi e quenelles. Per quanto riguarda i semi, invece, il farinello è un possibile sostituto del grano. Si può ricavarne una farina, da usare mista ad altre. E’ infatti stretto parente della più famosa quinoa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *