Input your search keywords and press Enter.

Farina di vinaccioli, l’ingrediente gluten free che arriva dall’uva

Non solo uva, ecco la farina di vinaccioli

Un ingrediente naturalmente senza glutine ma ricco di tantissimi antiossidanti ed elementi nutritivi per l’organismo, scopri la farina di vinaccioli

Farine alternative? Scopri quella che arriva dall’uva!

I vinaccioli sono i semi contenuti negli acini di uva, sia bianca che rossa. Da essi si ricava un olio pregiato già molto famoso sia in cucina che per la formulazione di prodotti di cosmesi naturale.

I vinaccioli contengono moltissimi elementi benefici per l’organismo, sia a livello interno che per la pelle. I più importanti sono i flavonoidi e i polifenoli, che rendono questi semi utilissimi anche durante le fasi di produzione del vino.

La farina di vinaccioli si ricava semplicemente dai semi di uva raccolti durante la separazione dell’acino dai semi in fase di essiccatura. Nonostante sia un alimento poco conosciuto, è davvero utile aggiungerlo alla preparazione dei cibi per la sua ricchezza minerale (ferro, magnesio e calcio soprattutto) e la povertà di grassi.

Contiene in più anche antocianine, molecole antiossidanti che contrastano in modo massiccio la formazione dei radicali liberi e aiutano l’organismo a liberarsi da processi ossidativi. Inoltre aumentano l’assorbimento della Vitamina C, aiutano a mantenere in ottimo stato il collagene e i tessuti connettivi e svolgono un’azione importante nei trattamenti per rinforzare i capillari.

Utilizzata già da molto tempo nei paesi del Nord Europa, la farina di vinaccioli si presenta di colore scuro tendente al bruno e ha un particolare gusto delicato che ricorda quello della frutta secca. Ogni farina, tuttavia, ha un gusto diverso in base al tipo di uva da cui viene ricavata.

Si usa in cucina abbinata ad altre farine per la panificazione ed è adatta anche alle preparazioni gluten free perché non contiene naturalmente glutine. E’ perfetta anche aggiunta a succhi di frutta e yogurt nelle colazioni o negli spuntini, ma anche nelle zuppe. Ne basta un cucchiaino al giorno per iniziare a trarne benefici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *