Input your search keywords and press Enter.

Farina di carote, alternativa gluten free da preparare in casa

Farina di carote fai da te per le tue ricette

Prepara in casa una farina di carote utilissima per cucinare tante ricette gustose e senza glutine ideali per tutta la famiglia

Cucina sana e gustosa, ecco cosa puoi provare

La farina di carote è un prodotto poco conosciuto ma utilissimo in cucina, specialmente per la preparazione di tante ricette senza glutine e senza grano. Non si tratta di una farina vera e propria, ma di un prodotto lavorato in modo tale da trasformare le carote fresche in polvere sottile dall’aspetto del tutto simile alla farina di cereali.

In commercio esiste ma è parecchio difficile da trovare, mentre è molto più facile prepararla in casa. Il procedimento è un po’ lungo, ma niente paura, è davvero facilissimo e poco dispendioso.

Innanzitutto bisogna grattugiare sottilmente le carote, poi si procede con l’essiccazione. La temperatura dell’essiccatore deve essere impostata su 45°/ 50° finché le verdure non saranno asciutte. Per seccarle meglio è consigliabile aumentare per qualche ora la temperatura a 65°. Generalmente sono sufficienti circa 12 ore. Una volta essiccate bisogna lasciare freddare le verdure e poi frullarle con un robot da cucina alla massima potenza finché non diventano polvere. Se la farina dovesse rimanere granulosa e troppo grossolana basterà metterla in congelatore per 15 minuti e poi frullarla di nuovo alla massima potenza.

La farina di carote così ottenuta si conserva per molti mesi a patto di tenerla in un barattolo di vetro a chiusura ermetica o sottovuoto.

Le farine di frutta e verdura realizzate tramite essiccazione riducono moltissimo la quantità originaria poiché perdono completamente la percentuale di acqua contenuta in origine. Il sapore è molto più concentrato per cui la quantità da utilizzare nelle preparazioni è limitata e il risultato sarà sorprendente.

In mancanza di un essiccatore si può utilizzare il forno alla temperatura minima e con lo sportello leggermente aperto finché le carote non saranno secche. In questo caso, però, bisogna avere l’accortezza di mescolarle spesso per non farle attaccare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *