Input your search keywords and press Enter.

Angelica, la medicina naturale che protegge l’organismo

Scegli il benessere naturale e prova l’angelica, la pianta medicinale che cura tutto il corpo

Prova a prenderti cura dei piccoli fastidi nel modo più naturale possibile usando ciò che offre la natura, come l’angelica, una vera e propria medicina vegetale

Angelica, ecco come usarla

L’angelica fa parte delle cosiddette piante ombrellifere e appartiene alla stessa famiglia di sedano, cumino e coriandolo. Cresce per lo più nelle zone montane del Nord Europa ed è conosciuta fin dai tempi antichi per le sue capacità medicinali. Già gli antichi romani e greci la usavano per curare diversi tipi di malattie, compresi gli avvelenamenti.

Le principali qualità di questa pianta sono quella antispasmodica, calmante, carminativa, digestiva, tonica, espettorante e antinfiammatoria, per questo è un ottimo rimedio contro dolori muscolari, mestruali e mal di testa. Questi effetti benefici sono dovuti alla presenza di tannino, cumarina, olio essenziale, resina e sostanza amara.

Dell’angelica si utilizzano tutte le parti, dalle radici alle foglie, ognuna in modo diverso. Le radici si estraggono e si fanno seccare in autunno, le foglie si raccolgono in primavera e il fusto in estate. Anche i semi si possono utilizzare per creare impacchi topici da applicare sugli occhi per eliminare stanchezza e gonfiore.

Per beneficiare di tutte le qualità medicinali si possono scegliere diversi metodi. E’ possibile consumare infusi e decotti preparati con le radici, oppure massaggiare la pelle con l’olio essenziale mescolato con olio di mandorle o ancora gustare i gambi canditi come digestivo e fine pasto.

Ma come tutte le piante e le sostanze naturali anche l’angelica presenta delle controindicazioni. Il consumo, infatti, può avere effetti fotosensibilizzanti per questo va assunta con molta attenzione. E’ peraltro del tutto sconsigliata in gravidanza e allattamento.

E se vuoi conoscere altre piante che fanno bene a tutto il corpo scopri anche l’alkekengi, la bacca della salute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *