Input your search keywords and press Enter.

Alga clorella, il rimedio detox naturale che arriva dall’acqua

Depurati naturalmente con l’alga clorella

Scegli il benessere naturale per il tuo organismo e prova l’alga clorella, un alleato utile per il eliminare le tossine e depurarti

Effetto detox naturale con le alghe

L’alga clorella (nome scientifico Chlorella), è una microalga unicellulare che vive nelle acque dolci. È utilissima per disintossicare l’organismo poiché favorisce l’espulsione delle scorie e contrasta l’accumulo di metalli pesanti nei tessuti e nel sangue.

Contiene moltissimi nutrienti utili come vitamina A, vitamina C, vitamine del gruppo B e vitamina E che favoriscono il corretto metabolismo dell’organismo. Grazie a questi elementi è una pianta benefica per la vista e aiuta a contrastare l’invecchiamento precoce e l’azione dei radicali liberi sulle cellule.

Ma la clorella è utile anche per rafforzare le difese immunitarie dell’organismo e per aiutarlo a depurarsi, in particolare in caso di intossicazione. Il suo contenuto di clorellina e la ricchezza di clorofilla le conferiscono delle forti proprietà antibiotiche e ricostituenti. Per questo motivo è spesso usata negli integratori e nei medicinali contro virus stagionali e raffreddori.

Quest’alga, unita alle foglie fresche di coriandolo, viene utilizzata in medicina per rimuovere gli accumuli di metalli pesanti in modo naturale dall’organismo. I suoi effetti disintossicanti sono così potenti da risultare efficaci persino nella depurazione delle acque inquinate.

A livello mentale, poi, la clorella migliora la capacità di concentrazione, mentre per quanto riguarda il sangue è capace di regolare la pressione arteriosa e mantenere sotto controllo i livelli di glucosio e colesterolo.

Si può assumere sotto forma di integratori in capsule pronti all’uso acquistabili in farmacia ed erboristeria, oppure sotto forma di polvere per la preparazione di rimedi casalinghi. Come tutte le piante, però, anche l’alga clorella presenta alcune controindicazioni: data la ricchezza di iodio, infatti, è sconsigliata a chi soffre di patologie della tiroide e in caso di malattie autoimmuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *